San Martino 2017

5 10 2017

Attesa e aspettativa, motivazione e impegno. Gli ingredienti che fanno grande L’Estate di San Martino sono gli stessi dalla prima edizione, quella del 2000. Marcianise, città sempre più attenta alle occasioni di socialità, convivialità e divertimento, avrà anche per quest’anno il suo grande Festival di vino, tradizioni, arti e sapori. Sui social già impazza l’ormai familiare e simbolico manifesto nero col mascherone, ad annunciare per  l’11 e il 12 novembre prossimi  la XV edizione de L’Estate majeutica.

Le viscere della Marcianise storica, il quartiere delle venelle, i vicoli di via Santoro , ancora una volta si incendieranno di fiaccole, tammurriate, arte di strada, vapori di cucina, colori e profumi senza tempo.  ‘La Festa di San Martino è di tutti!’ ci dicono oggi i ragazzi dell’associazione organizzatrice di via Falcone, ‘ormai per noi farla o non farla non è più un dubbio lecito, perché l’appuntamento ormai è della città, del suo calendario, della sua gente’.  E’ questo l’impegno che oggi sentono i ragazzi di Majeutica, è questa la radice della determinazione che oggi li vede nuovamente in campo, a far sì che per anche per quest’anno torni a travolgerci la Grande Festa di Marcianise. Un tripudio di danze e musica popolare che da sempre affascina e coinvolge chi si imbatte nel dedalo di San Martino. Il vino è complice, il buon cibo pure, e ciascuno si ritrova a cantare, a danzare, a battere le mani al tempo delle tammurriate. Da ogni angolo sbucano poi personaggi fiabeschi, con costumi ariosi,colorati, imprevedibili e improbabili; gli sputafuoco, i giocolieri, i saltimbanchi. Un’atmosfera insolita che ancora una volta trascina lo storico quartiere delle venelle in una dimensione onirica e magica. Lungo il percorso poi, mostre fotografiche, esperienze d’arte attiva, animazione per i più piccoli, installazioni di arte floreale. E ancora pittura, scultura, l’artigianato locale che riempie i vicoli di colori e sorprese. Per i buongustai alla ricerca di sapori dimenticati: le pettole e fagioli alla maniera di Marcianise, i mazzuoccoli, l’antichissima insalata di piere e musso con le olive e i peperoni, il baccalà fritto, il caciocavallo impiccato, la brace, i contorni della tradizione. Per i palati più curiosi la sede di Majeutica ospiterà ancora una volta la degustazione di piatti gourmet  e di etichette scelte, in un percorso guidato da Sommelier professionisti. E come per ogni anno, anche la quindicesima edizione de L’Estate sarà l’occasione per conoscere l’impegno civile di Marcianise, da anni riconosciuta come terra di associazioni. ‘Non resta che rimboccarci le maniche e buttarci a capofitto nella preparazione della festa – dicono oggi i ragazzi di Majeutica-L’Estate di San Martino è ormai un evento irrinunciabile e la città deve trovarsi pronta ad accogliere anche quest’anno migliaia di avventori. Speriamo e contiamo di non deludere le aspettative’-.



Allegro 2017

17 06 2017

Aperte le iscrizioni alla masterclass del trombettista di fama mondiale Andrea Giuffredi. Sarà l’artista di Parma la star dell’XI edizione di “Allegro, Marcianise in Jazz” organizzata da Majeutica

Sono aperte le iscrizioni alla masterclass del grande trombettista Andrea Giuffredi, sabato 1 luglio infatti l’artista di Parma sarà al Palazzo della Cultura di Marcianise per tutti coloro che previa iscrizione vorranno rubare segreti e chiedere consigli in merito allo studio della Tromba. Sarà una giornata intensa a stretto contatto con il famoso musicista che dalle ore 10 alle 20 sarà a disposizione degli iscritti e terrà lezioni di gruppo ed individuali aperte a tutti i livelli di preparazione. Le informazioni in merito si possono avere chiamando il 3397425327 oppure tramite la mail allegro@majeutica.it   (per l’iscrizione scaricate e compilate il MODULO)

Il tutto si colloca nell’ambito dell’XI edizione di “Allegro, Marcianise in Jazz” organizzata dall’Associazione Culturale “Majeutica” e che avrà inizio la sera precedente (venerdì 30 giugno alle ore 21) con il concerto dello stesso trombettista di fama internazionale, Andrea Giuffredi nella splendida location del Palazzo della Cultura, ex Monte dei Pegni, sito in Via Duomo salirà sul palco con un quartetto tutto campano. Al piano ci sarà il napoletano Francesco Marziani, al sax l’eclettico beneventano Vincenzo Saetta, al contrabbasso Antonio Napolitano di Pomigliano e alla batteria Massimo Del Pezzo di Napoli. Il grande maestro Giuffredi si è diplomato in tromba nel 1985 presso il Conservatorio Nicolini di Piacenza. Dal 1983 ad oggi ha suonato come prima tromba nelle principali istituzioni lirico sinfoniche italiane, Orchestra RAI di Torino e Milano, Teatro Comunale di Firenze, Teatro Regio di Parma, Teatro alla Scala di Milano, Orchestra sinfonica Arturo Toscanini dell’Emilia-Romagna, Filarmonica Toscanini suonando con direttori come Riccardo Muti, Zubin Metha, Seiji Ozawa, nelle più prestigiose sale da concerto del mondo. Come solista ha suonato accompagnato da I Solisti Veneti, dall’Orchestra Sinfonica Siciliana, dall’Orchestra Sinfonica Arturo Toscanini, dalla Tirana Radio Symphony Orchestra, dalla Krasnoyarsk Symphony Orchestra e dai Salzburg Chamber Soloist, interpretando la musica per il cinema di Ennio Morricone, Nino Rota e brani classici prediligendo uno stile melodico, cantabile all’italiana. Nel 2004 è stato invitato come solista all’ITG International Trumpet Guild conferenza mondiale sulla tromba tenutasi alla University of Denver negli Stati Uniti. Come didatta ha tenuto masterclass in diverse parti del mondo, CTG China Trumpet Guild alla Nanchang University, all’University of Denver negli Stati Uniti, al Tirana Conservatory (Albania), al Conservatorio Centrale di Pechino, alla Lieksa Brass Week (Finlandia), al Kalavrita Brass Festival (Grecia), e in vari conservatori in Italia. Ha suonato come prima tromba al Pavarotti & Friends nel 2000 esibendosi con George Michael, Luciano Pavarotti, Enrique Iglesias; nel 2006 ha suonato come prima tromba nel tour diretto da Ennio Morricone con l’orchestra Filarmonica della Scala; nell’ottobre del 2008 ha suonato in quartetto con Liza Minnelli alla trasmissione di Rai Uno, “Porta a Porta” di Bruno Vespa su Rai1. Nel 2015 invece ha suonato con Cesare Cremonini accompagnandolo nel suo lungo tour. Negli Stati Uniti ha realizzato tre album CD per l’etichetta statunitense Summit Records. Dal 2009, come unico rappresentante italiano, è membro dell’ensemble internazionale Ten of the Best ensemble formato da dieci trombettisti selezionati fra diversi stati del mondo, con i quali nel novembre/dicembre 2009 effettua un tour in Germania e Giappone suonando in prestigiose sala da concerto come Berliner Philharmoniker e Tokyo Opera City. È docente di tromba presso l’Accademia Internazionale della Musica di Milano, nonchè fratello del clarinettista Corrado Giuffredi. Sarà quindi una due giorni intensa quella che l’Associazione Culturale “Majeutica” offrirà alla città di Marcianise grazie alla direzione artistica del M° Domenico Birnardo docente di Tromba presso il Liceo Musicale Statale “Terra di Lavoro” di Caserta e la Scuola Media “Aldo Moro” di Marcianise, il concerto infatti come sempre è ad ingresso gratuito mentre la masterclass sarà su iscrizione e completerà questa undicesima edizione. Ad aprire il concerto ci sarà la New Dolly Dixie Jass Band,  formazione che si dedica all’esecuzione del jazz degli ‘anni ruggenti’, con un approccio interpretativo che riflette le tipiche atmosfere degli stili di New Orleans e Chicago del Charleston, del Ragtime filologicamente rispettate nel timbro e nello spirito. Il sound generale è però filtrato attraverso le esperienze musicali maturate altrove dai singoli componenti. Ciò fa si che la Dolly Dixie Band eviti le scorciatoie revivalistiche, traghettando il passato nel presente regalando così momenti musicali particolarissimi e facendo rivivere magiche atmosfere esattamente come cent’anni fa! Una kermesse che in passato ha già ospitato altri artisti internazionali quali Fabrizio Bosso, Nello Salza, Aldo Bassi, Flavio Boltro, Andrea Tofanelli e tanti talenti in erba a testimonianza dell’ottima musica che questo festival ormai propone annualmente.



San Martino 2016

15 11 2016

Ultimi giorni di fervidi preparativi. L’Estate di San Martino, il Festival più amato del calendario marcianisano è ormai alle porte. La 14ma edizione della duegiorni di arte, cultura, sapori e tradizioni targata Majeutica saluta e invita la folta schiera di aficionados che dal 2001 ha fatto il successo sempre crescente della manifestazione.

sanmartino2016

I 44 sodali dell’associazione culturale giovanile di Marcianise, da oltre 15 anni in marcia per il recupero e la riappropriazione dell’identità civica marcianisana, a tutt’oggi restano sorpresi dalla sensazionale risposta che il pubblico, ormai da ben oltre i confini della città, tribùta all’evento. ‘Eravamo poco più che ragazzi- ricordano- quando nella sola via Falcone, srotolammo il primo tappeto rosso. Da quell’anno e per tutti gli anni a seguire, il solo gesto di tingere di rosso il piccolo dedalo di vicoli compresi tra via Torri e via Santoro, è ormai un’epifania per i Marcianisani. E’ come illuminarne il cuore, rinvigorire un’identità, ma anche aprire le porte di casa, sentirsi ospiti, orgogliosi di far strada agli avventori anche più lontani nel proprio salotto di tufo e basalto. Gli Antichi Vichi alle Torri (per gli storici) ovvero le venelle (per il Popolo) sono il palcoscenico naturale per la magia che da sempre abbiamo voluto ricreare per il nostro Festival’. Il 12 e 13 Novembre prossimi il sipario si aprirà sull’intero quartiere del centro storico, con la formula che è ormai consolidata e premiata. ‘Parliamo di Festival perché la parte sagristica è solo una delle componenti dell’evento. Le venelle sono un invito ai cinque sensi nel senso più esteso. I profumi e i sapori degli antichi piatti della tradizione allettano i nostri visitatori, mentre lungo il percorso dei vicoli si avvicendano le arti di strada. Trampolieri, fachiri, giocolieri, parate in costume sono i protagonisti di un sogno in cui il visitatore è completamente assorto e coinvolto. E poi il vino, che è sapore, ma anche tradizione, e lavoro, e perizia. I Sommelier AIS fanno da guida virgiliana in un percorso di educazione del gusto. La musica, quella delle paranze della tammorra, della pizzica, dei canti di lavoro, resta l’attrattiva più vivace della festa. Le formazioni si rincorrono per strada, si danno il La, fanno il coro, sfilano in parata, coinvolgono gli spettatori in balli vorticosi e ritmati. Ormai i nostri affezionati ci raggiungono armati di castagnette e tammorre, perché la nostra festa ti fa fruitore ma anche attore’. Si aggiungono mostre d’arte e fotografia, banchetti di promozione culturale e di volontariato. ‘L’Estate di San Martino’ ha nel proprio titolo il senso del nostro progetto- spiegano finalmente i ragazzi di Majeutica- Estate è simbolo di vitalità, di gioia di vivere, ma anche di pienezza e vigore, che è quello che cerchiamo nella riappropriazione e nella valorizzazione del nostro territorio, della nostra identità cittadina, della nostra Storia. San Martino, in quanto storicamente primo protettore della città, è seme di un passato antichissimo, di una partecipazione e di un’unità popolare, che ricerchiamo nello spirito stesso della manifestazione’. Tutto è pronto (o quasi) per l’atteso evento del 12 e13 Novembre. Non resta che curare gli ultimi dettagli. ‘A Giove Pluvio piacendo- concludono ironicamente i ragazzi di Majeutica- ci ritroveremo lì, ancora una volta, come per gli ultimi 14 anni’.



Allegro 2016

15 03 2016

La decima edizione di “Allegro, Marcianise in Jazz” sarà inaugurata con orgoglio e prestigio dalla Masterclass della Tromba del neo vincitore del Premio Oscar quale migliore colonna sonora di film di Ennio Morricone.

allegro 2016

Sarà infatti Nello Salza nei giorni 15, 16 e 17 aprile a dare il via alla kermesse musicale organizzata ormai da dieci anni dall’Associazione Culturale Majeutica. Il suo trombino infatti ha interpretato sapientemente le note scritte dal grande maestro Morricone in “The Hateful Eight” di Quentin Tarantino che ai Golden Globe Awards ad Hollywood ha riportato la prestigiosa statuetta dopo un po di anni in Italia. E’ il secondo Oscar ottenuto dal trombettista di Sutri, centro in provincia di Viterbo, anche nel 1999 infatti Nello Salza lo aveva ottenuto con Nicola Piovani grazie a “La Vita è Bella” il fortunato film di Roberto Benigni che in quella edizione sbaragliò la concorrenza. L’artista è stato già ospito della stessa manifestazione nel giugno del 2013, il suo concerto infatti fu un grande successo con il pubblico che tributò applausi a scena aperta al suo ensemble. Le lezioni del famoso trombettista si terranno presso il Palazzo della Cultura di Via Duomo a Marcianise, e ci si potrà iscrivere scaricando e compilando l’apposito modulo. . Il corso è aperto a tutti i livelli di preparazione, sarà presente inoltre un pianista accompagnatore a disposizione dei corsisti per preparare eventuali concerti caratteristici e solistici. Domenica 17 infatti a termine della tre giorni di musica alle ore 18,30 circa ci sarà una esibizione pubblica degli stessi allievi oltre alla consegna ufficiale degli attestati di partecipazione al corso firmati dallo stesso Salza. Per informazioni, delucidazioni ed iscrizioni ci si può rivolgere al maestro Domenico Birnardo, direttore artistico della manifestazione che farà anche da assistente al grande maestro Nello Salza, il numero telefonico di riferimento è 3397425327. Definito come la “Tromba del Cinema Italiano”, Nello Salza dal 1984 ad oggi ha inciso oltre 300 colonne sonore come prima Tromba solista oltre che con i maestri Ennio Morricone, Nicola Piovani anche con Armando Trovajoli, Luis Bacalov tra i tanti ricoprendo ruolo protagonista delle partiture di film quali “L’intervista”, “La voce della Luna”, “C’era una volta in America”, “La leggenda del pianista sull’Oceano”, “Nuovo cinema paradiso”, “La Piovra”, “Il Postino”, “Pinocchio”, “Il Caimano”, “Gli Intoccabili”, “Il Marchese del Grillo” e tanti altri. Ha collaborato con registi quali Federico Fellini, Sergio Leone, Franco Zeffirelli, Giuseppe Tornatore, Mario Monicelli, Ettore Scola, Roberto Benigni, Brian De Palma, Alberto Sordi, Nanni Moretti,
 Lina Wertmuller, Dario Argento, Fratelli Taviani. Già prima tromba solista del Teatro dell’Opera di Roma, Salza ha collaborato con diversi direttori di fama internazionale quali G. L. Gelmetti, F. Mannino, N. Santi, G. Ferro, G. Patanè, D. Oren, Y. Aronovitch, G. Kuhn, J. Tate, J. Nelson, B. Bartoletti, G. Bertini, M. Armiliato, Z. Pesko, D. Renzetti, W. Humburg, G. Lanzetta, G.L. Zampieri; precedentemente ha ricoperto lo stesso ruolo presso il Teatro San Carlo di Napoli, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Regionale Toscana e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. Con l’Orchestra di S. Cecilia ha effettuato tournèe nei cinque continenti sotto la guida di direttori del calibro di L. Bernstein, L. Maazel, G. Pretre, W. Sawallisch, D. Gatti, G. Sinopoli, C. Thielemann e vanta numerose presenze presso prestigiose istituzioni quali il Gran Teatro La Fenice di Venezia, l’Orchestra da Camera Italiana (con la direzione di Salvatore Accardo), l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra A. Toscanini di Parma, i Solisti Aquilani, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Unione Musicisti di Roma, AMIT Accademia Musicale Italiana, l’Orchestra G. Cantelli, l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orchestra da Camera Fiorentina, il Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra Sinfonica di Roma, le Trombe Rosse, l’Orchestra da Camera della Campania, l’Orchestra Milano Classica, la Cappella Cracoviensis.

 È stato più volte ospite di trasmissioni televisive Rai come tra le tante “I Fatti Vostri”, “Domenica In”, “Community – L’altra Italia”, “Storie Vere”, “Festa Italiana”, solita al “Concerto dell’Epifania 2016” ed ha inoltre inciso diversi cd solistici spaziando dal repertorio classico alla canzone ed alle colonne sonore. È vincitore di numerosi concorsi presso le maggiori istituzioni musicali ed è vincitore di due concorsi nazionali per l’insegnamento nei Conservatori. Importanti sono le sue collaborazioni con artisti internazionali quali S. Accardo, U. Ughi, L. Pavarotti, J. Carreras, P. Domingo, K. Ricciarelli, A. Bocelli, D. Modugno, Mina, C. Baglioni, Amii Stewart, Zucchero, R. Zero, M. Nava, M. Gazzè. Artista esclusivo e testimonial YAMAHA, ha progettato e firmato due modelli di tromba (Sib e Do) su commissione della nota casa Giapponese. Nello Salza ha studiato al conservatorio S. Cecilia di Roma sotto la guida dei maestri Leonardo Nicosia e Biagio Bartiloro, attualmente docente di Tromba al Conservatorio Statale di Musica di Salerno “Giuseppe Martucci”. La decima edizione di “Allegro, Marcianise in Jazz” proseguirà poi a giugno con il consueto concerto, come sempre prevista la presenza di altri musicisti di fama internazionale dopo quelli già ospitati in nelle passate edizioni come Fabrizio Bosso e Latin Mood, lo stesso Salza, Flavio Boltro, Aldo Bassi e lo scorso anno Andrea Tofanelli.

Scarica il modulo



San Martino 2015

28 09 2015

La XIIIa Estate di San Martino: torna la Festa Grossa di Marcianise

La città di Marcianise, orfana per un anno del suo evento più atteso, non aspettava altro. E i ragazzi di Majeutica non hanno fatto per questi lunghi mesi che allenare la propria motivazione. Alla fine il 2015 avrà la sua Estate di San Martino. La Festa di vino, tradizioni, arti e sapori torna per il 7 e 8 Novembre nelle viscere della Marcianise storica, il quartiere delle venelle, i vicoli di via Santoro che ancora una volta si incendieranno di fiaccole, tammurriate, arte di strada, vapori di cucina, colori e profumi senza tempo.

sanma2015

Quando nel 2014 la carovana-Majeutica s’arrestò per la scomparsa del compianto Giannino Di Fuccia, anima storica della Festa, molti sui social rimasero interdetti : ‘come possono non farla?- scrissero i Marcianisani su FB- la Festa di San Martino è di tutti!’. E’ questo l’impegno che oggi sentono i ragazzi del sodalizio di via Falcone, è questa la radice della determinazione che oggi li vede nuovamente in campo, a far sì che anche per quest’anno torni a travolgerci la Festa Grossa di Marcianise. Un tripudio di danze e musica popolare che da sempre affascina e coinvolge chi si imbatte nel dedalo di San Martino. Il vino è complice, il buon cibo pure, e ciascuno si ritrova a cantare, a danzare, a battere le mani al tempo delle tammurriate. Da ogni angolo sbucano poi personaggi fiabeschi, con costumi ariosi, colorati, imprevedibili e improbabili; gli sputafuoco, i giocolieri, i saltimbanchi. Un’atmosfera insolita che ancora una volta trascina lo storico quartiere delle venelle in una dimensione onirica e magica. Lungo il percorso poi, mostre fotografiche, esperienze d’arte attiva, animazione per i più piccoli, installazioni di arte floreale. E ancora pittura, arte presepiale, l’artigianato locale che riempie i vicoli di colori e sorprese. Per i buongustai alla ricerca di sapori dimenticati: le pettole e fagioli alla maniera di Marcianise, i mazzuoccoli, l’antichissima insalata di piere e musso con le olive e i peperoni, il baccalà fritto, il caciocavallo impiccato, la brace, i contorni della tradizione. Per i palati più curiosi la sede di Majeutica ospiterà ancora una volta la degustazione di piatti gourmet e di etichette scelte, in un percorso guidato da Sommelier professionisti. E come per ogni anno, anche la tredicesima edizione de L’Estate sarà l’occasione per conoscere l’impegno civile di Marcianise, da anni riconosciuta come terra di associazioni. I sodalizi della città, circa un centinaio, avranno la possibilità di far conoscere le proprie iniziative e i propri intenti nell’ambito del percorso. ‘Non resta che rimboccarci le maniche e buttarci a capofitto nella preparazione della festa – dicono oggi i ragazzi di Majeutica- abbiamo già ricevuto telefonate e mail da ben oltre i confini della Provincia. L’Estate di San Martino è ormai un evento irrinunciabile e la città deve trovarsi pronta ad accogliere anche quest’anno migliaia di avventori. Speriamo e contiamo di non deludere le aspettative’-