Allegro 2019

4 07 2019

“Allegro, Marcianise in Jazz”, saranno i Dirty Six feat. Walter Ricci venerdì (domani) ad allietare la XIII edizione. Il gruppo, che per anni ha accompagnato il mitico Mario Biondi, a Marcianise al Palazzo della Cultura con ingresso gratuito

Tutto pronto per “Allegro, Marcianise in Jazz” il festival musicale griffato Majeutica, venerdì (5 luglio) alle ore 21 con il solito ingresso gratuito ci sarà infatti la XIII edizione. Sarà sempre il Palazzo della Cultura di Via Duomo a fare da cornice al fortunato evento che la storica associazione di Marcianise ormai ha da anni nella sua programmazione, dopo l’ultimo successo della scorsa edizione con Stefano Di Battista & Nicky Nicolai 5et quest’anno a salire sul palco saranno i Dirty Six featuring Walter Ricci. Un sestetto di livello internazionale impreziositi dalla calda voce di un cantante che ormai si è imposto su palcoscenici mondiali quale Walter Ricci. I Dirty Six riuniscono alcuni dei maggiori esponenti del jazz italiano, hanno da poco presentato alla Casa del Jazz a Roma il loro primo album. Il disco è uscito a Gennaio per Jando Music / Via Veneto Jazz, dall’omonimo titolo, contiene brani originali caratterizzati da un forte impatto ritmico, e allo stesso tempo da una notevole connotazione melodica e cantabilità, e trasportano l’ascoltatore in un clima suggestivo e moderno, in cui Jazz, R&B, Funky e contaminazioni Afro sono sapientemente combinate insieme dai sei musicisti. La parola d’ordine è “energia”, unita alla voglia di arrivare al pubblico, con una musica schietta e vitale, senza lasciare alcun dubbio all’ascoltatore, sul fatto di voler riascoltare tutto il disco dall’inizio. E poi un’altra volta ancora. L’interplay è assicurato dalla grande stima reciproca dei DIRTY SIX, che con questo disco forzano un po’ le regole del “mainstrem” da cui traspare la perfettamente sintonia nonostante provengano da esperienze diverse. Il sound accattivante del “Contemporary jazz” distingue i DIRTY SIX guidati dal pianista Claudio Filippini. La band vede il sassofonista Daniele Scannapieco al comando di una sezione fiati di primissimo livello con Gianfranco Campagnoli alla tromba e Roberto Schiano al trombone. La ritmica, dal notevole impatto sonoro, è composta da Tommaso Scannapieco al basso elettrico e contrabbasso e Lorenzo Tucci alla batteria. Oltre ai sei favolosi musicisti ci sarà un ospite importante perché alle bellissime note dei Dirty Six si unirà la splendida voce di Walter Ricci, una guest che sarà il vero valore aggiunto di una serata che si preannuncia carica di emozioni.  I Dirty Six sono stati per anni in pratica il gruppo che ha accompagnato in più tour il grande Mario Biondi e con lui hanno inciso nel 2012 l’album dal titolo “Sun”, subito dopo gli High Five Quintet di cui comunque Daniele Scannapieco e Lorenzo Tucci ne facevano parte. Nato a Pescara nel 1982, Claudio Filippini si diploma giovanissimo in pianoforte presso il Conservatorio “G.B. Pergolesi” di Fermo. Durante il suo percorso di studi ha avuto modo di incontrare musicisti come Herbie Hancock, Kenny Barron, George Cables, Jimmy Owens, Joey Calderazzo, Enrico Pieranunzi, Franco D’Andrea, Otmaro Ruiz, Stefano Bollani, Stefano Battaglia. E’ il fondatore del gruppo, idea avuta a fine 2015, ha collaborato con i migliori jazzisti italiani e stranieri. Daniele Scannapieco salernitano di nascita, classe 1970 sassofonista, attualmente docente di sax jazz presso i Conservatori di Salerno e Rodi Garganico, specializzato in sax tenore e soprano. Figlio d’arte cresce a contatto con l’ambiente jazz, prima italiano poi europeo. Completa gli studi classici nel 1990 al Conservatorio di Salerno dove consegue il diploma in clarinetto. Considerato da anni uno dei grandi talenti del jazz italiano ed europeo Scannapieco è un musicista eclettico capace di esprimere concetti musicali articolati e complessi senza mai perdere contatto con l’emozione del pubblico. Attualmente è in tour con Eduardo De Crescenzo con il suo spettacolo “Essenze Jazz”. Gianfranco Campagnoli, classe 1977, trombettista jazz e flicornista napoletano. Grazie alla sua pluridecennale esperienza nella musica riesce a spaziare dal Pop al Jazz senza disdegnare alcun genere. La sua formazione musicale si perfeziona al Conservatorio di Musica “S. Pietro a Majella” di Napoli. La sua carriera come prima tromba continua nei concerti presso l’Orchestra Alessandro Scarlatti di Napoli e presso quella del Conservatorio. Successivamente, Gianfranco Campagnoli prende parte a numerosi spettacoli teatrali come trombettista. Ovvero, con Tato Russo al Teatro Bellini di Napoli, con Peppe Barra e tanti altri. Il musicista napoletano, però, suona anche in programmi televisivi. Lo troviamo, infatti, in “Viva Napoli”, programma musicale andato in onda nel 1994. Inoltre, suona nell’Orchestra diretta dal M° Beppe Vessicchio nel programma di Maria De Filippi “Amici”. Il 2000, invece, è l’anno del suo ingresso nell’orchestra di Stefano Palatresi, tramite cui suona per numerosissime trasmissioni TV, ad esempio “Furore”. Accompagna Alexia, Raf, Alex Baroni, Pino Daniele, Lucio Dalla. Infine, prende parte a numerose sedute di registrazione con artisti importanti come Sergio Di Natale nel disco “Quartetto con vista”, in cui è ospite insieme al sassofonista Vincenzo Saetta, Federico Salvatore ed altri artisti. E, ancora nell’album “La stanza dei colori” di Armanda Desidery. Attualmente è in tour tra i tanti con Sal da Vinci, Andrea Sannino, Pino Iodice, Lorenzo Hengeller. Roberto Schiano, classe 1966, trombonista jazz napoletano. È un artista talentuoso con una grande esperienza alle spalle, che si riflette in collaborazioni importanti. Tanti sono anche i festival e i dischi in cui ha suonato, le orchestre e gli spettacoli teatrali. Inizia lo studio del trombone a partire dai quindici anni iscrivendosi ai corsi del Conservatorio di Musica “S. Pietro a Maiella” di Napoli. Nel 1986 si diploma, successivamente segue i seminari di trombone tenuti dai maestri Giancarlo Schiaffini, Enrico Rava e Rudy Migliardi. Il trombonista jazz segue poi anche il corso di specializzazione per esecutore d’orchestra. In questo contesto il musicista napoletano incontra i maestri Giancarlo Gazzani e Bruno Tommaso, con il quale collabora anche in sede di registrazione. Nel 1999 Roberto Schiano si diploma in Jazz al Conservatorio di Napoli. Infine, entra a far parte anche del mondo della musica leggera suonando il trombone in diversi programmi televisivi. Ricordiamo, infatti, “Te voglio bene assaje”, concerto di Enzo Avitabile e Zucchero (Rai 1). “L’ottavo Nano” con la band diretta da Dario Deidda, “Note di Natale”, diretto dal M° Beppe Vessicchio, “Domenica in” dal 2006 al 2009 con il M° Sandro Comini e tanti altri. Tommaso Scannapieco, classe 1971, bassista e contrabbassista jazz salernitano. Colonna portante di diversi progetti, il contrabbassista nato a Campagna è una delle figure di riferimento all’interno del variegato mondo del Jazz salernitano e italiano. Il suo percorso formativo comincia in famiglia, dove già si respira aria di musica essendo fratello del già citato Daniele. Inizia, quindi, fin da piccolo a studiare prima la fisarmonica e poi pianoforte. Successivamente, si avvicina al basso e si iscrive al Conservatorio di Salerno “G. Martucci”. Nel 1997, quindi, consegue il diploma classico in contrabbasso. Poi, decide di iscriversi al corso di musica d’insieme tenuto presso lo stesso conservatorio di Salerno. Insieme all’attività concertistica, il contrabbassista jazz partecipa a diverse trasmissioni televisive. “Uno Mattina” e “Fatti Nostri” sulle reti Rai è uno dei tanti e importanti trampolini di lancio. Raccogliendo, poi, tutti i meritati frutti di un lavoro che continua a portare avanti durante i concerti e nell’insegnamento, attualmente docente di basso elettrico al Conservatorio di Rodi Garganico. Non ultimo, anzi, Lorenzo Tucci, classe 1967 nato ad Atessa in provincia di Chieti, batterista, arrangiatore, compositore. Incide più di quaranta album, tra cui quelli con Fabrizio Bosso (più di dieci album), Flavio Boltro, Javier Girotto e tanti altri. Il suo jazz moderno e contemporaneo ha già incantato il pubblico, grazie allo stile poliedrico e sempre pieno di energia. Approccia alla musica studiando come primo strumento il pianoforte e, poi, la chitarra. A dodici anni passa alla batteria e poco dopo si appassiona al Jazz. Quindi, si trasferisce a Roma dove studia con il batterista cubano Horacio Hernandez. Successivamente, studia con Ettore Fioravanti, per poi iscriversi ai corsi estivi di Jazz presso la “Berklee School of Boston” di Perugia. Insieme a Rosario Giuliani registra cinque album. Lorenzo Tucci arriva a incidere più di quaranta album, sei dei quali con l’importante gruppo “High Five Quintet”. Infine, tra gli altri gruppi è anche membro di LTC (Lussu, Tucci, Ciancaglini). Guest della serata quindi Walter Ricci cantante, pianista e compositore, nasce a Napoli nel 1989. Vive tra l’Italia e Parigi. Collabora con Dédé Ceccarelli, Sylvain Luc, Hadrien Feraud e ha partecipato a un progetto prodotto da Richard Bona. Figlio d’arte, entra da subito a contatto con la musica e inizia presto ad amare il jazz, lo swing, il bebop e il contemporary jazz. Frank Sinatra, Tony Bennet ed Ella Fitzgerald diventano per lui fonte di ispirazione. La padronanza della grande tradizione dei più noti crooner d’oltre oceano e il suo stile personale denso di sfumature e di nuove sonorità, che spazia con grande naturalezza dal jazz al pop, hanno attratto l’attenzione della critica e di grandi musicisti che lo hanno voluto nei loro progetti. Ha collaborato e collabora con i grandi jazzisti italiani quali Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Lorenzo Tucci con i quali ha registrato e si è esibito in Italia e nel mondo. Nel 2009 Pippo Baudo lo vuole come vocalist nell’orchestra diretta da Pippo Caruso per l’intera stagione di “Domenica In”. È su RAI UNO che duetta dal vivo con Michael Bublè e Mario Biondi. Quest’ultimo lo invita a collaborare nel suo disco e nel suo tour. Collabora con Guido Pistocchi, con il sassofonista Daniele Scannapieco ed il pianista Antonio Faraò. Nel 2016 partecipa al festival internazionale New wave contest a Sochi, in Russia, dove si aggiudica il primo posto incantando il pubblico e la giuria. È sua la voce di “News from…” accanto a Snoop Dogg e di “Through the Day”. Tra i vari progetti, Walter Ricci ha un suo quartetto italo-francese ed è coautore e cantante del nuovo progetto di Jeanpierre Como in uscita a settembre 2019. Quindi una tredicesima edizione che ha tutti i requisiti per ripetere il boom di presenze dello scorso anno, la kermesse ha la direzione artistica del maestro Domenico Birnardo docente di Tromba presso il Liceo Musicale Statale “Terra di Lavoro” di Caserta e l’Istituto Comprensivo “Aldo Moro” di Marcianise. La serata sarà aperta come avviene già da qualche anno dalle allegre note della New Dolly Dixie Jass Band, formazione che si dedica all’esecuzione del jazz degli ‘anni ruggenti’, con un approccio interpretativo che riflette le tipiche atmosfere degli stili di New Orleans e Chicago del Charleston, del Ragtime filologicamente rispettate nel timbro e nello spirito. Il sound generale è però filtrato attraverso le esperienze musicali maturate altrove dai singoli componenti. La Dixie Band casertana vede Pasquale Posillipo al clarinetto, Domenico Birnardo alla tromba, Gerardo Valente al sax tenore, Antonio Di Somma al trombone, Corrado Cirillo al contrabbasso, Antonio Pascarella al banjo ed Alessandro Armanno alla batteria. Anche quest’anno “Allegro, Marcianise in Jazz” è nel cartellone degli eventi estivi patrocinati dal Comune di Marcianise per la quarta edizione di “Re…state a Marcianise”. Inoltre il festival avrà una coda a settembre perché domenica 15 ci sarà la consueta masterclass, come ormai avviene da quattro anni, sarà infatti Andrea Tofanelli l’ospite a disposizione di tutti coloro che vorranno fare lezione e rubare segreti previa iscrizione al grande trombettista attualmente impegnato tra le tante a Rai2 nell’orchestra del maestro Gianni Mazza a “Mezzogiorno in Famiglia”. L’invito è per tutti è a partecipare numerosi e soprattutto a non perdersi questa raffinata serata di jazz in stile Majeutica che anche nell’edizione 2019 promette di incantare il pubblico sotto le stelle dell’ex Monte dei Pegni, nelle passate edizioni infatti ad incantare il pubblico ci sono state già altre star del genere quali Fabrizio Bosso e i Latin Mood, Aldo Bassi trio e Tabur Jazz Band, Flavio Boltro, Andrea Tofanelli, Andrea Giuffredi, la tromba del cinema italiano Nello Salza, Stefano Di Battista & Nicky Nicolai quintet oltre a tanti talenti in erba quali Alessandro Tedesco, Vincenzo Saetta e altri.



S.Martino 2012: indicazioni stradali e aree parcheggio

5 11 2012

Dall’uscita Caserta Sud proseguite seguendo le indicazioni per Marcianise.
Presa la strada provinciale, imboccate la seconda uscita sulla destra (evitare Marcianise-zona industriale).
Entrati a Marcianise percorrete Via S.Giuliano/Via Battisti fino in fondo e poi voltate a destra su Via Novelli; alla terza a destra svoltate per procedere su Via Duomo per giungere al centro storico della nostra città.

Se provenite dall’asse mediano all’uscita Marcianise vi troverete su Via S.Giuliano e potete proseguire seguendo le indicazioni precedenti.

A due passi dalle stradine dell’Estate di S.Martino c’è un piccolo parcheggio all’angolo di Via Marchesiello. Essendo di modeste dimensioni vi consigliamo tuttavia di parcheggiare nei più ampi spazi poco più distanti dall’evento.
Nei due casi sovraelencati è consigliato il parcheggio di Piazza Carità. Alla fine di Via S.Giuliano, prima dell’inizio di Via Battisti, svoltate a destra in direzione dell’Annunziata.

Provenendo da Caserta o se all’uscita Caserta sud vi siete diretti verso Viale Carlo III, seguite l’uscita Marcianise.
Proseguite lungo Viale Europa.
Potete sostare al primo parcheggio (più distante) situato dopo il primo incrocio a circa 200 metri sulla sinistra o svoltare a sinistra al secondo incrocio per immettervi su via Roma e subito a sinistra per il parcheggio di Piazza Principe di Napoli.
Alternativamente potete raggiungere il centro storico se superando il secondo incrocio svoltate alla successiva intersezione a T su Via Duomo.

 

Per lo stazionamento degli Autobus le soluzioni migliori sono il piazzale sito in Via Leonardo da Vinci (spazio antistante il Velodromo Comunale) o lo spazio della Fiera settimanale cittadina in Via Retella (località Macello).

 

 

Clicca sull’immagine per ingrandire.

 



S.Martino 2011 a TG1 TERRA E SAPORI

11 11 2011

Video Rai.TV – TG1 – TG1 TERRA E SAPORI dell’11 novembre 2011.



Grazie!

9 11 2010

Un grazie infinito è tutto quanto possiamo donarvi all’indomani di questa splendida esperienza!

Grazie alla Città che ha saputo accogliere con entusiasmo vivo e con disponibilità d’animo L’Estate di San Martino alla sua nona edizione. Un grazie a chi ha superato distanze di chilometri per venirci a trovare, a chi ci ha raggiunti in pullman, in camper, a chi ha sfidato le previsioni meteo di domenica per nulla benevole pur di esserci. All’amministrazione e alla Polizia Municipale, che hanno saputo sostenere il nostro sogno e mostrarsi vicini e pienamente collaborativi nelle difficoltà burocratiche e organizzative. Alle associazioni cittadine, Agorà Ipazia, Myricae, il Covo, ai fotografi Sorensen e Montebuglio, che non hanno esitato a lanciarci una mano e a essere presenti e operativi in un evento che ha ormai raggiunto portata incredibile.

E’ nell’obiettivo fondante di Majeutica, nel suo stesso nome, non avere la pretesa di dettare cultura, di salire sui piedistalli, di ‘far vedere agli altri come si fa’ (non ne saremmo nemmeno capaci), il seme della riuscita di questa festa è nella città stessa, in cui noi Majeutici abbiamo sempre creduto! Sì, come abbiamo gridato sui cartelloni in mostra lungo il percorso, Marcianise è terra d’arte, storia, fede, ed è chiamata ad essere una città vivibile, ospitale, gioiosa, collaborativa, solidale. Siamo fieri di operare per la nostra terra e siamo fieri di avere avuto il vostro appoggio. Che è quello che vi chiediamo per le edizioni future de L’Estate di San Martino, una Festa che abbiamo voluto solo in parte sagristica e per la quale il vino rappresenta solo uno strumento di convivialità e di gioia, ma che realizza sempre di più i nostri obiettivi di festival delle arti di strada, della musica popolare, della magia degli spettacoli, delle paranze, del fuoco, dell’arte, di un quartiere senza tempo, quello degli antichi ‘vichi alle Torri’. Sono traguardi che costano sacrifici e danaro (chè se fosse solo pettole e vino sarebbe facile!), ma che abbiamo la testa dura di perseguire semplicemente perchè vi sentiamo vicini.

Un grazie doveroso a tutti coloro che vorranno ancora darci consigli per migliorare, a chi vorrà sottolinearci mancanze, pecche, a chi vorrà opporci critiche e obiezioni: è il solo modo che abbiamo per crescere e per sorprendervi ogni volta!

Non resta che aspettarvi per le prossime e numerose iniziative in cantiere per questo anno associativo che per noi è anche il decimo di vita di casa Majeutica, a parer nostro ‘una delle più belle storie di amicizia e bellezza che questa città abbia mai scritto’.

Grazie Sempre

Majeutica

75606_1686356367091_1483121747_1783959_298584_n



Jugglers Contest: i vincitori

9 11 2009

Ad aggiudicarsi il I San Martino Jugglers Contest é il gruppo di musica popolare “Scetavaiasse”.
Con i migliori Auguri dell’Associazione Majeutica.

contest